Il Salento

camere

Il particolare che balza subito agli occhi al viaggiatore è la presenza di un’eccezionale biodiversità di flora e fauna del salento, favorita, a sua volta, dalla coesistenza di ecosistemi differenti: infatti ambienti prettamente aridi e sabbiosi coabitano assieme a zone più umide e acquitrinose.

Qui, nella nostra amata terra, sono presenti oasi naturalistiche uniche come “Il Parco Litorale di Ugento” che include al suo interno una splendida striscia costiera bagnata dalle miti e brillanti acque del mar Ionio. Le spiagge del parco sono caratterizzate da una speciale sabbia di tonalità chiara; tale tipicità cromatica è determinata dalla presenza di piccoli organismi, come le conchiglie, che una volta morti si sbriciolano mischiandosi con i normali granelli di sabbia.

Oltre ad ammirare le straordinarie bellezze presenti nel parco, proponiamo passeggiate su splendidi cavalli, organizziamo gite di pescaturismo con degustazione a bordo.

In altre parole, sapremo farvi vivere una vacanza rilassante a stretto contatto con la natura!!!

LA FLORA

ficoSi stima che la flora nel Salento annoveri circa 1.500 specie. Una delle peculiarità della flora salentina è quella di comprendere numerose specie con areale mediterraneo-orientale, assenti nel resto della penisola, e diffuse invece nella penisola Balcanica, condizione questa favorita dalla vicinanza delle opposte sponde adriatiche (tra Capo d’Otranto e le coste albanesi ci sono solo 80 km) e dalla presenza di condizioni ambientali analoghe. Sono presenti comunque anche numerose specie ad areale mediterraneo-occidentale, condivise con il resto della penisola
Oltre che dai già citati ulivi secolari che caratterizzano il territorio, la vegetazione è costituita anche dal fico d’India, che cresce spontaneamente sia all’interno sia lungo la costa, e dal mandorlo, che inizia a fiorire già a metà gennaio. In primavera, la terra sotto gli ulivi, il ciglio dei sentieri e delle strade, nonché gli interstizi dei muretti a secco, si ricoprono di fiori in un’esplosione cromatica che va dal giallo intenso dei crochi al rosso dei papaveri.
Durante l’estate, il colore sanguigno della terra diventa protagonista con il verde della macchia mediterranea. Le bacche policrome annunciano poi l’autunno ed il successivo mite inverno.

LA FAUNA

Coracias-caudatusPer quanto concerne la fauna del Salento vi si possono annoverare numerose specie di uccelli quali la gru, l’airone grigio (Ardea cinerea), il germano reale (Anas platyrhynchos), il tarabuso (Botaurus stellaris), la ghiandaia marina (Coracias garrulus), il fistione turco (Netta rufina), il gheppio (Falco tinnunculus), nonché numerose specie di rettili, come lucertole e gechi, di mammiferi, quali ricci, volpi e faine, e di artropodi, quali scorpioni, tarante e lepidotteri come ad esempio Amata phegea. Nel 2010 è stata ufficialmente riconosciuta a livello nazionale una nuova razza di canarino comune, il Canarino salentino ottenuto dall’incrocio casuale di un maschio di ciuffato tedesco e una femmina di bossù belga.